Croatian(HR)Deutsch (DE-CH-AT)Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

First minute:
 
 
 
   
 
 
Circa Rab

GospaLa cittandina di Rab vanta una lunga storia. Piu tardi, alla cita fu attribuito l'epiteto di FELIX (felice), fatto che testimonia uno sviluppo urbano ben designato in quanto la cittadina gia disponeva di acquedotto, terme, teatro, temple e vie cittadine ben allestite. Piu di diciassette secoli fa, a Lopar, nacque il piccolo Marin. Da ragazzo forte e sano imparo il mestiere del tagliapietre. La ricerca di un lavoro lo porto persino all'altra sponda dell'Adriatico, sulla costa appenninica, vicino a Rimini.

 

La leggenda di San. Marino
MarinoDiligente e dotato di notevoli virtu, conquisto ben presto la fiducia della comunita cristiana locale diventando diacono del vescovo Gaudenzio.

Piccola valigia con le reliquie del patrono di Rab, San Cristoforo.

Perseguitato per aver propagato la fede cristiana, si rifugio sul monte Titano, difficilmente accessibile, e vi construe una piccolo chiesa. Da li nacque l'odierna repubblica di San Marino nella cui omonima citta sono conservate le reliquie del santo.


Mapa grada


BALESTRIERI DI RAB
StrDelle numerose tradizioni storiche gli abitanti di Arbe hanno fatto rivivere l'antico Torneo, fondato ad Arbe nel lontano 1364. Dal 1995 il torneo e l'evento culturale centrale dell'anno.

Al torneo precede la cerimonia medievale dell'annunciazione, un giorno prima, fatta dal messaggero con il tamburo. La cerimonia ha inizio con l'arrivo del Rettore e della sua scorta nella loggia cittadina dove e atteso dai balestrieri, dai musicisti e dagli alfieri. Accompagnati dal suono degli tamburi, dalle fanfare e delle campane, tutti i partecipanti si dirigono verso la Cattedrale per ricevere la benedizione. Nella piazza di San Cristoforo, di fronte alla porta cittadina, il Rettore apre sollennemente il torneo. Con il suono delle fanfare si innalza la bandiera cittadina e dopo il segnale della "corte d'onore" i cavalieri iniziano la competizione. Secondo un ordine prestabilito, dodici cavalieri tendono le balestre rilasciando le freccie verso la meta. Il miglior balestriere e colui la cui freccia e piu vicina al centro della meta. Il Rettore proclama il vincitore del torneo e gli consegna il premio . Con un programma degli musicisti e alfieri, e la sfilata di tutti i partecipanti vestiti in costumi rinascimentali, si chiude il torneo.

Rab2La specificita del torneo di Arbe e nell'antica balestra usata ancora soltanto dagli balestrieri di San Marino. Nel Medio Evo con esso gli abitanti di Arbe hanno difeso la citta e in onore del loro santo protettore, San Cristoforo, hanno introdotto il torneo. I tornei si tenevano due volte all'anno: il 9. maggio (Dies Victoriae) e il 27. luglio (Dies Natalis). Queste erano le celebrazioni piu importanti che si festeggiavano per interi sette giorni. Il torneo contemporaneo si tiene il 30. maggio e il 27. luglio, e la sollenne sfilata per la citta si organizza anche per la giornata dell'Assunzione. In questi giorni Arbe offre ai suoi ospiti numerosi programmi degni di essere visti.


Clima

KlimaL'isola di Arbe gode del piacevole clima Mediterraneo. La catena montuosa di Kamenjak (408m) protegge gran parte dell'isola dal freddo vento nord-orientale, la bora, che e il tipo di vento che soffia piu spesso durante l'inverno e all'inizio della primavera. Cosi la temperatura non cala mai al di sotto dei 0oC. Al di fuori della bora, durante l'autunno da sudest soffia un vento caldo e umido - jugo, che regolarmente porta la pioggia.
Nei mesi estivi di giorno di solito soffia il maestrale, un gradevole venticello che si alza verso le 10 di mattina e cala con il calare del sole facendo cosi sopportabile la calura pomeridiana, dando anche piacere agli appassionati di vela. Gli altri venti e tempeste sono rari.
La neve, che durante tutto l'inverno copre le cime del Velebit, sull'isola di Arbe e molto rara. Coloro che regolarmente visitano Arbe, quando molte citta europee sono coperte di neve e ghiaccio, sanno che anche a gennaio il cielo sopra Arbe e sempre azzurro


I monumenti sacrali

SvandrijaEntrando nella citta per una delle sue porte, per esempio la Porta d'Oro, ci attraera subito la strada Superiore (Gornja ulica) con la sua tranquilita. A destra, verso l'uscita dal parco di Komrcar, c'e un promontorio sopra l'antica torre e la chiesetta di S. Cristoforo - santo protettore della citta e dell'isola - ora trasformata in lapidario, mentre a sinistra c'e la via con i quattro campanili. Del monastero e della chiesa di S. Giovanni Evangelista, una straordinaria basilica di stile romanico, rimane solo il campanile romanico, le fondamenta e parti delle colonne delle tre navate e il deambulatorio restaurato. Vicino alle rovine della basilica di S. Giovanni Evangelista, si trova la chiesa della Santa Croce Piangente dove, secondo testimoninze scritte, e avvenuto il miracolo della croce piangente.

Sulla Piazza della Liberta si trova il campanile e la chiesa di Santa Giustiniana eretti per il monastero delle suore Benedittine nel XVI secolo e ora in funzione di museo di arte sacra. Non lontano da questa chiesa si trovano il campanile e la chiesa di San Andrea insieme al monastero delle suore Benedittine. La chiesa e di stile romanico a tre navate con un bellissimo altare barocco. Il campanile risale al 1181 ed e il campanile piu vecchio di Arbe.

JustinaAlla fine della via Superiore, vicino al monastero costruito su una roccia a picco sul mare, si trova la chiesa dell' Assunzione, ex-duomo. Comincio a essere costruita nel 1118 ed e stata consacrata nel 1177 personalmente da Papa Alessandro III. E una sfarzosa basilica in stile romanico, specialmente interessanti sono l'altare con il ciborio del VIII secolo, i sedili del coro in stile tardo gotico e la statua di S. Cristoforo del XII secolo. Il campanile di questa basilica e separato dalla chiesa e domina il panorama cittadino, ed e pure uno degli esempi piu belli dello stile tardo romanico in Croazia.

Bisogna menzionare anche la chiesa di S. Francesco al cimitero cittadino, vicino alla quale e stato costruito anche il monastero dei frati del terz'ordine di San Francesco (frati glagolitici). A Kampor e noto il monastero francescano e la chiesa di S. Eufemia, entrambi fondati nel 1446. Il monastero ospita un museo e la galleria di fra Amroz Testen.

A Supetarska Draga si trova la chiesa di S. Pietro, vicino all'abbandonato monastero benedittino, costruita in stile romanico nella meta dell'XI secolo, e una delle chiese piu significanti di detto periodo in Croazia.


Altri monumenti

DominisEntrando dalla piazza di S. Cristoforo nella principale via Centrale (Srednja ulica), si nota il palazzo patrizio Dominis-Nimira, con finestre con ricchi decori rinascimentali e il portale gotico con lo stemma della famiglia Dominis, costruito nel XV secolo.
Non lontano da questo palazzo, all'inizio della via Inferiore (Donja ulica), si vede ancora il bellissimo portale del palazzo nobiliare Nimira. Nella parte superiore del portale e visibile lo stemma della famiglia Nimira. Uno dei monumenti di maggior valore di Arbe e il Palazzo del Rettore che si trova nella Piazza del Municipio. La costruzione del palazzo comincio nel XII secolo, pero le parti piu caratteristiche risalgono al XV e XVI secolo. La Loggia cittadina risale al 1509 ed e di forma quadrata e stile rinascimentale, ha bellissime colonne ed e recentemente stata restaurata per conservarla da ulteriore deterioramento.
Nella citta di Arbe ci sono ancora numerosi bellissimi portali, balconi, finestre con interessanti dettagli e ornamenti. Della celebre storia cittadina vi rammenta ogni pietra, stemmo o iscrizione. Investigate, Arbe vi svelera sempre un nuovo segreto, ma mai tutti.

 
 
 
 
 
 
 
Croatian(HR)Deutsch (DE-CH-AT)Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Copyright © 2009 HOTEL ISTRA - Izrada Internet stranica: Booking IT